Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X

 
Connetti
Utente:

Password:



FOOD

Fattorie Gennargentu si espande nella penisola

La stipula di un accordo commerciale con la Marr permetterà di allargare la rete di distribuzione ad alberghi e ristoranti della costa sarda e del resto d'Italia.

Vito Cogoni
sabato 29 marzo 2014 22:28

La salsiccia di Fonni, perfetta con pane rustico e vino rosso.
La salsiccia di Fonni, perfetta con pane rustico e vino rosso.

Da sempre apprezzati ed elogiati dentro e fuori dalla Sardegna, i prodotti barbaricini trovano serie difficoltà ad ampliare la propria fetta di mercato per via dei problemi nella distribuzione. L'azienda fonnese Fattorie Gennargentu ha così cercato un modo per risolvere questa limitante condizione strutturale. E ha trovato una sponda interessantissima nella Marr, colosso della distruzione di prodotti alimentari. Le due società hanno infatti sottoscritto un accordo commerciale che permetterà ai prodotti barbaricini di raggiungere le coste sarde e poi anche alberghi e ristoranti del resto d'Italia.

Fattorie Gennargentu ha sede a Fonni ed è nata nel 1998 con l'obiettivo di confermare la secolare tradizione barbaricina nella produzione di salumi e formaggi e coninugarla con le tecnologie più moderne. L'azienda in poco tempo ha raggiunto una collocazione di rilievo tra le realtà produttive sarde, sia per quanto riguarda il salumificio che per il caseificio, dove si lavora esclusivamente latte sardo. Prodotti semplici, ma genuini, elaborati in ricette preziosamente tramandate da secoli, quando i pastori sperimentavano soluzioni per ottenere i gusti più autentici.

Il marchio Marr fa invece parte del gruppo Cremonini, quotato in borsa, e opera in Italia nella distribuzione dei cibi a ristoranti e alberghi. 1600 strutture in tutto, accuratamente selezionate per lavorare sempre nell'eccellenza. Un numero che comunque andrà presto aggiornato, visto che l'azienda punta a incrementare ulteriormente il parco clienti. Insomma prodotti di qualità smistati ad attività di qualità. Un'associazione perfetta che ora potrebbe favorire anche il commercio isolano. A patto che rispetti i requisiti di qualità, tipicità, omogeneità e di continuità nella fornitura.

Daniela Falconi, amministratrice di Fattorie Gennargentu, riassume così le grandi aspettative dell'azienda barbaricina: «È un accordo che ha benefici duplici: commerciali e di marketing. I turisti che assaggiano i nostri prodotti nelle tavole dell'Isola potranno rievocare quei sapori anche una volta rientrati». Una collaborazione che potrebbe essere presa d'esempio da altre società isolane. «L'accordo di oggi è un fatto storico per il territorio, un primo passo verso un modello commerciale che può portare nuovo sviluppo» ha commentato Roberto Bormioli, presidente di Confindustria del centro Sardegna, che ha poi spiegato: «Abbiamo chiesto alla Marr di estendere questo tipo di accordi anche ad altre aziende della Barbagia che devono crescere perché possano garantire oltre alla qualità anche la continuità nella produzione». Un auspicio quanto mai condivisibile perché la deficitaria economia isolana possa finalmente migliorare.

Torna alla Home

Commenti
Powered by: